• • • • UN BLOG DEDICATO AI PICCOLI UOMINI IN PLASTICA, CARTA O METALLO. SOLDATI E CIVILI, DEL PRESENTE E DEL PASSATO. • • • •

giovedì 20 maggio 2010

I SOLDATINI DI CREPAX


I soldatini di carta sono una forma di gioco, oramai quasi scomparsa, nata nell'Ottocento e diffusa in più di 24 Paesi. Molti sono stati gli editori che, nel corso degli anni, hanno dato alle stampe i cosiddetti "fogli" in cui erano raccolte immagini di soldati da ritagliare, incollare su cartoncino e fissare su una base, in modo da poterli utilizzare per incruenti battaglie. Tra gli stampatori locali più importanti vi è stato Marca Stella che, dalla fine dell'Ottocento al dopoguerra, ha dato vita a un gran numero di soggetti. Ma veniamo al dunque: in anni più recenti i soldatini di carta sono stati realizzati anche da fumettisti. Il Corriere dei Piccoli ne ha regalati moltissimi dal 1953 al 1968, e tra i loro realizzatori vi sono stati nomi illustri come Dino Battaglia, Hugo Pratt e Sergio Toppi, disegnatori spesso appassionati di storia e uniformi, quindi adattissimi al compito. Negli anni Sessanta, il Corrierino non è stata l'unica pubblicazione a dedicare spazio ai soldatini, lo ha fatto anche Linus in due riprese: tra il novembre del 1965 e il febbraio del 1966, e nel febbraio del 1967. Nel primo caso ha regalato La Battaglia di Waterloo, nel secondo La Battaglia di Pavia, due veri e propri wargame (forse i primi in assoluto realizzati in Italia) con decine di soldatini di carta da ritagliare. A firmare questi gioiellini è stato Guido Crepax. La rivista di viaggi Sandokan ha riproposto per intero La Battaglia di Waterloo nel numero dell'aprile del 1999, riportando alla luce quegli splendidi figurini amorevolmente disegnati da Crepax: le rosse divise dell'esercito inglese, le turchine di quello francese. Uomini a piedi e a cavallo, cannoni, bandiere… Tutto con una grande cura per i dettagli, e decine di soldatini in pose differenti. Inoltre, le immagini sono stampate da entrambi i lati, mostrando dello stesso "personaggio" fronte e schiena. Il Duca di Wellington e Napoleone Bonaparte, in sella ai propri destrieri, sono maestosi anche a oltre quarant'anni dallo loro realizzazione.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento